venerdì , settembre 22 2017
Home / Notizie / Attualità / Dipladenia: ecco la pianta che sta conquistando gli italiani
dipladenia

Dipladenia: ecco la pianta che sta conquistando gli italiani

Anche nel giardinaggio si seguono e si susseguono spesse mode e tendenze: negli ultimi tempi, in Italia sta crescendo l’interesse per una pianta molto particolare, facile da coltivare e in grado di dare un tocco di colore al proprio giardino o terrazzo.

La pianta di tendenza

Come spiegato anche dalle pagine del blog di Codiferro, esperto giardiniere toscano, la dipladenia infatti si sta facendo apprezzare anche perché non richiede una cura molto complessa, e in cambio offre ai “pollici verdi” una fioritura copiosa e foglie sempreverdi di forma e consistenza molto apprezzate. 

Un’ampia famiglia

Con il nome generico in realtà si raggruppa una famiglia di molto vasta, che comprende tantissime varietà accomunate dalle stesse esigenze; sempre a livello generale, la dipladenia è una pianta sempreverde rampicante o ricadente, che genera dei fusti sottili e carnosi in grado di crescere con molta velocità, e che per questa caratteristica è molto usata anche per dare un tono cromatico ai graticci.

Le varietà di dipladenia

Altra informazione importante riguarda appunto le diverse varietà di dipladenia che sono disponibili, che si differenziano per tipologia e caratteristiche: tra le principali citiamo la dipladenia Sundaville, apprezzata per l’estesa stagione di fioritura, che inizia ad aprile e termina a novembre; la dipladenia Sanderi, che genera grandi fiori rosa e foglie ovali; la dipladenia rossa, ritenuta una delle più belle per il colpo d’occhio del colore; la dipladenia laxa o gelsomino del Cile; la dipladenia Splendens e la dipladenia Boliviensis o Bianca, originaria proprio del Paese dell’America Latina e caratterizzata da abbondanti e profumati fiori bianchi con il centro giallo-arancio.

Le caratteristiche principali

Questa pianta produce una cascata di fiori a trombetta molto grandi con un periodo di fioritura che va dalla primavera all’autunno, mentre la gamma di colori comprende il bianco, il rosa, il rosso, il fucsia e il giallo; per quanto riguarda la stagione invernale, invece, bisognerebbe tenerle a riparo in un luogo luminoso, in cui la temperatura non scenda mai sotto i 7-8 gradi.

Consigli pratici

Sempre continuando a elencare le qualità che hanno favorito la diffusione della dipladenia in larga parte d’Italia, bisogna ricordare la capacità di resistere e produrre in modo fecondo anche in mezz’ombra, oltre che in posizioni molto luminose e direttamente soleggiate. Anche l’apporto idrico necessario non è particolarmente impegnativo per chi è meno pratico di giardinaggio, visto che anche in piena estate è sufficiente dare acqua ogni due o tre giorni senza tenere il terreno troppo umido.

La pianta ci dà i segnali di allarme

In alcuni casi, poi, è la pianta stessa a segnalare se bisogna o meno intervenire con l’irrigazione: quando infatti si esagera, le foglie alla base del fusto diventano gialle e cadono, segnale chiaro di un errore e della necessità di porre rimedio alle abitudini di gestione della stessa. Sempre nel periodo estivo, poi, bisogna ricordarsi di concimare la pianta ogni due settimane, come d’altra parte è importante fare per tutte le piante che producono tantissimi fiori nella stagione calda.

Dal Sudamerica all’Italia

Come detto, negli ultimi anni le nostre città sono state “invase”, nella migliore accezione del termine, dagli stupendi fiori di questa pianta, dalla caratteristica forma a campana e di colore rosa, bianco o di un fiammante rosso fuoco, con lucide foglie verde intenso, che attirano subito lo sguardo. Già questa descrizione porta alla mente scenari tipici dei Paesi tropicali, e difatti la dipladenia è originaria delle zone del Sudamerica, ma ormai stanno diventando tipiche anche degli areali mediterranei e delle cassette da balcone italiane.

About Elena Vertignano

Check Also

tavolo

Poco spazio per il tavolo: ecco le soluzioni

Cambia l’idea di casa, cambia il concetto di spazio, cambia l’uso e il design d …

Cassettiere, nonsolomobili

Cassettiere in legno: classico, moderno o urban chic?

IN OGNI CASA NON PUÒ CERTO MANCARE UNA CASSETTIERA. CHE SIA CLASSICA, MODERNA O URBAN …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *