Home / Notizie / Cronaca / Donna segregata in casa da un ragazzo di 22 anni, conosciuto in chat!
Uomo si uccide dopo aver strangolato l'ex compagna

Donna segregata in casa da un ragazzo di 22 anni, conosciuto in chat!

Una donna di 53 anni segregata da due mesi in casa da un ragazzo 22enne conosciuto in chat.

E’ accaduto ad Isernia, dove una donna ha conosciuto questo ragazzo online e dopo averlo incontrato a Venezia, decide di invitarlo a Isernia a casa sua. Dopo un periodo di normale convivenza il ragazzo la costringe a stare in casa, ansi in camera da letto, picchiandola, e costringendola anche a fare i bisogni fisiologici in stanza.

Dalle altre rivelazioni della donna, il 22enne gli avrebbe rubato il bancomat ed il cellulare, e facendola mangiare solo una volta al giorno. Lei vedova, viveva con i solidi della pensione del primo marito.

Il figlio non riuscendo più a rintracciarla, ha chiesto alla polizia di verificarne la condizione, facendo denuncia. Arrivati nel posto le forze dell’ordine non ricevendo nessuna risposta al citofono ed alla porta, hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuco che sono entrati dalla finestra della camera, trovandosi davanti ad una scena terribile. Nella stanza il ragazzo con la donna. Lei che era piena di ecchimosi, ed alla vista dei Vigili ha iniziato a piangere dalla gioia, il ragazzo è stato costretto ad aprire la porta.

La donna è stata ricoverata all’ospedale Veneziale, mentre il ragazzo portato al carcere Ponte San Leonardo.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle nuove notizie di Blognews24.com ricordati di seguirci sulle nostre pagine social: Facebook , Google+, Twitter

Check Also

TFR dei Dipendenti Pubblici

TFR dei Dipendenti Pubblici: Quali sono le tempistiche di liquidazione?

Cos’è il TFR dei Dipendenti Pubblici?  Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) è una somma di denarocorrisposta al …

Furti domestici: l’Italia è realmente poco sicura?

Recenti episodi di cronaca hanno accentuato, in molti cittadini italiani, il timore di subire dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »