lunedì , novembre 20 2017
Home / Notizie / Attualità / Italiani, sale l’attenzione al risparmio energetico
risparmio-energetico

Italiani, sale l’attenzione al risparmio energetico

Sempre più italiani si informano sulle tematiche del risparmio energetico: soltanto nell’ultimo anno il 20% di persone in più ha cercato news e acquistato prodotti in grado di ridurre consumi e bollette, con una buona incidenza di giovani.

Più venti per cento: secondo l’indagine di Facile, che ha realizzato un comparatore di prodotti per l’energia, è questa l’incremento che in Italia ha interessato le persone che cercano informazioni sul risparmio energetico. Nell’ultimo anno, quindi, un italiano su cinque in più ha ritenuto importante cercare notizie o acquistare prodotti che abbassano consumi e bollette energetiche, seguendo anche le indicazioni del mercato.

Corsa al risparmio. Oggi infatti è in atto una vera e propria corsa ai consumi “smart“, grazie alle innovazioni tecnologiche e all’apporto dell’Internet of Things, gli oggetti interconnessi e collegati alla Rete da gestire anche da remoto. Come si vede anche nei cataloghi online di Punto Luce, uno dei più completi rivenditori di materiale elettrico online, l’offerta di dispositivi in grado di ottimizzare la gestione domestica degli impianti elettrici è arrivata a un livello davvero interessante e utile.

Un consumo sostenibile. Dal punto di vista pratico, si parte dall’utilizzo di lampadine a LED anziché a fluorescenza, che consentono di abbattere i consumi fino al 60%; simile il risparmio che può essere garantito dall’installazione di pannelli fotovoltaici, che permettono ai proprietari di autoprodurre energia. Ma si può intervenire anche sui consumi di gas, optando ad esempio su un sistema di riscaldamento geotermico, mentre il il solare termico permette una riduzione di circa il 40%.

Vantaggi pratici (ed economici). Anche i più giovani sono coinvolte in questo processo: secondo le analisi, tra quanti cercano maggiori informazioni è netta l’influenza di chi ha meno di 35 anni, circa un terzo del totale. L’obiettivo primario, per tutti, sembra essere il risparmio energetico, visto che queste innovazioni e l’impiego di pochi accorgimenti consentono di possono ridurre le bollette anche dell’80%, consentendo in media a una famiglia di risparmiare centinaia di euro, un vero toccasana in tempi di ristrettezze economiche.

La classifica degli italiani. Se questo è il quadro generale, bisogna comunque sottolineare come ci siano forti disparità su questi temi a livello nazionale: gli italiani che hanno ricercato informazioni in misura più forte sono quelli che risiedono in Lombardia, quasi un quarto del totale, mentre al secondo posto si trovano i cittadini del Lazio (circa il 17%), e quelli di Veneto e Campania a completare il podio con il 7,9% del totale. Il trend è comunque in netta evoluzione, visto che soprattutto nei primi quattro mesi del 2017 gli abitanti di Campania e Sicilia guadagnano posizioni, con gli isolani che arrivano a conquistare il quarto posto scalzando il Veneto.

Le fasce di età: giovani ma non solo. Interessante, come detto, anche il quadro relativo al profilo anagrafico delle persone che cercano informazioni sull’energia e sulle modalità per il risparmio: come detto, una percentuale del 35% ha meno di 35 anni, fascia che supera quella degli italiani di età tra i 35 e i 44 anni (ferma al 28%) e quella dei più “grandi”, tra i 45 e 54 anni (17%). Anche gli anziani, però, si dimostrano “innovativi“, visto che almeno il 10% di chi ha più di 65 anni fa attenzione al risparmio energetico e, di conseguenza, anche a quello economico.

La risalita delle donne. Guardando invece i dati relativi al genere, appare ancora evidente la predominanza maschile: gli uomini, infatti, rappresentano una quota del 65% del campione preso in esame, anche se la percentuale di donne attente ai consumi energetici sta risalendo (e soltanto nel primo quadrimestre del 2017 è arrivata al 37% del totale).

About Elena Vertignano

Check Also

incendi

Estate 2017, il dato preoccupante sugli incendi

Sapevamo già da parecchio tempo, grazie alle previsioni dei nostri centri meteorologici, che quest’estate sarebbe …

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il 9 ottobre 2013 nella sala stampa di palazzo Chigi durante una conferenza stampa dei ministri del Pdl.
ANSA/ GUIDO MONTANI

Osteopatia, è ancora battaglia sul Ddl Lorenzin

Non si ferma il dibattito sul cosiddetto Ddl Lorenzin, che ormai da oltre un anno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *