venerdì , aprile 19 2019
Home / Notizie / Cronaca / Morto Fidel Castro, il rivoluzionario che sfido’ gli Usa
Fidel Castro

Morto Fidel Castro, il rivoluzionario che sfido’ gli Usa

“Caro popolo di Cuba: é con profondo dolore che compaio per informare il nostro popolo, gli amici della Nostra America e del mondo, che oggi 25 novembre del 2016, alle 10.29, ore della notte, é deceduto il comandante in capo della Rivoluzione Cubana Fidel Castro RuzHasta la victoria, siempre!“, queste le parole del fratello alla televisione nazionale cubana, per annunciarne la morte. Aveva 90 anni. Aveva lasciato il potere nel 2006, per cause di una malattia, ma di cui non si è mai saputo niente. Il corpo sarà cremato nella prossime ore. Fidel Castro Lascia, insieme alla moglie Dalia, più di dieci figli, solo sei legittimi da due matrimoni.
Subito dopo l’annuncio della morte del Comandante molte le manifestazioni ed i festeggiamenti in strada per i cubani americani, gli anticastristi.

 

Fidel Castro

Ma chi era Fidel Castro ? Ricordiamo brevemente quello che ha fatto.
Nato a Biran il 13 agoso  1926, figlio di un proprietario terriero spagnolo Angel Castro e della cubana Lina Ruz. Dopo aver studiato a Santiago de Cuba ed essersi laureato in legge, si rende partecipe ad un lungo assalto durato 6 anni ribelli al cuartel Moncada, una caserma dell’esercito vicino a Santiago, la seconda città dell’isola. Un disastro per Fidel, 80 ribelli furono fucilati e  lui condannato a 15 anni di carcere, ma ne scontò appena uno.

Mandato in esilio per 18 mesi, dove conoscerà anche Ernesto Guevara, ritornò il 2 dicembre del 1956, clandestinamente tramite uno yacht con 88 compagni. Nello sbarco muoiono circa 56 volontari,  gli altri riuscirono a rifugiarsi nelle montagne, la Sierra Mastra, dove inizia una guarriglia durate 2 anni, che risultò vittorioso. Il primo gennaio 1959, i guerriglieri guidati da Castro entrano trionfalmente a L’Avana.

 

Il Paese diventerà un campo di battaglia dell guerra fredda, l’8 gennaio riesce a liberare Cuba dalla dittatura di Fulgencio Batista, legato alla mafia dell’italo-americano Lucky Luciano, Paese riesce a resistere ad un duro blocco economico ed attacco americano. Successivamente viene invitato alla casa bianca da Nixon, ma le relazioni tra i due Paesi sembrano andare per il peggio.

Un  periodo di confusione tra condanne a morte e pocessi per coloro che avevano partecipato al regime di Batista. Ed all’interno del gruppo di Fidel Castro si formano due fazioni con scontri interni. Da una parte Raùl e Che Guevara premono per la via socialista, mentre dall’altra Camilo Cienfuegos, Sori Marin e Huber Matos per il ritorno alla Costituzione del 1940, libere elezioni e democrazia. Camilo morirà in un incidente, mentee Huber Matos condannato a 20 anni di carcere.

Fidel Castro

Nel febbraio del 60 un prima svolta che romperà definitivamente le relazioni con Washington. Un accordo con l’Unione sovietica. Iniziano così i tentativi americani di assassinare Fidel Castro, nel 1961 un piccolo esercito di esuli cubani addestrati dagli americani sbarca sull’isola per buttare fuori il Comandante. Ma l’invasione risulterà un disastro. Nel 62 si gli americani scoprono che sull’isola erano istallate delle rampe di lancio per i missili nucleari Sovietici, ma per fortuna Russi e americani trovano un compromesso, per cui l’Isola non doveva essere più presa d’assalto, e Mosca non avrebbe armato i missili con testate nucleari.

Nel frattempo, si sposa con Dalia Soto del Valle. Hanno cinque figli: Alexis, Alexander, Alejandro, Antonio e Angel. In tutti questi anni i rapporti tra Fidel e la famiglia non furono buoni, il padre voleva che il figlio studiasse e divenisse avvocato. Ma la cosa più tragica fu scoprire che la sorella più piccola avrebbe lavorato presso la Cia e contro il fratello.

 

Nel 1064 stringe l’alleanza con l’URSS con il patto di Varsavia, che porterà Cuba in un mondo socialista. Che Guevara si allontanerà dal gruppo, non accettando questa alleanza con Mosca, e verrà successivamente assassinato, nel 1967. Effettivamente l’alleanza con Unione Sovietica rivoluzionerà tutte le idee iniziali di Fedel Castro e dell’industrializzazione. Infatti il leader cubano lancerà la famosa “zafra” (la raccolta della canna da zucchero) dei dieci milioni di tonnellate. Cuba fino agli ani 80, scambierà con il Patto di Varsavia zucchero con aiuti di tutti i generi. L’Urss investirà miliardi per conservare l’avamposto strategico di Cuba.

Fidel Castro dovrà tenere per se le sue idee rivoluzionarie, a favore del compiacimento per Mosca, portando al Paese un periodo di ripresa. L’arrivo della perestrojka nell’Urss porta molti avrà molti estimatori in Cuba, tra cui il Fratello di Castro. Invece Fidel vedrà immediatamente nelle riforme di Gorbaciov l’inizio della fine.

Negli anni 90 inzia una crisi finanziaria perche Unione Sovieta interrompe tutti i fondi che dava all’isola, e l’economia di Cuba crolla, un “periodo especial” lo chiama Fidel Castro. I cittadini sono sottoposti a tantissimi sacrifici in nome del nazionalismo. Cuba spalancherà le porte al turismo e alle rimesse degli esuli. Inizierà il processo delle liberalizzazione del dollaro, portando un cambiamento sull’economia dell’Isola. Molti cittadini andranno via perchè spinti dalla fame, direzione Florida. Ma per fortuna nel 1989 Castro riesce a trovare un accordo con il Veneuela di Chavez, con una ripresa per il Paese.

 

Fidel Castro tra il 1992 ed il 2006, rischia di morire per via di una crisi per la diverticolite, che lo porta a operarsi per ben due volte. Il fratello Raúl nel 2008 gli subentra definitivamente come presidente e capo del partito (Pcc). Con la malattia e l’avvento al potere di Raúl tutti le personalità più vicine a Fidel vennero allontanate dai posti di comando. Come il passaporto per viaggiare all’estero, assolutamente proibito negli anni di Fidel. Una lenta apertura del regime, soprattutto in economia. Nel 2014, firmata con i grandi nemici di Fidel: gli Stati Uniti d’America .

 

Ecco come lo ricordano i cubani:  Castro è stato il Comandante, oppure semplicemente Fidel, sul quale sono state costruite tante storie: «non dorme mai», «non scorda nulla», «è capace di penetrarti con lo sguardo e sapere chi sei», «non commette sbagli». “Hasta la victoria, siempre”.

 

Se vuoi rimanere aggiornato sulle nuove notizie di Blognews24.com ricordati di seguirci sulle nostre pagine social: Facebook , Google+, Twitter

 

 

About Omar Alosi

Diplomato in elettronica ma amante del Web Designer, della grafica animata e della tecnologia. Collabora come autore con Blognews24 e con HDworld. Malato di sport e fitness che svolge nel tempo libero.

Check Also

TFR dei Dipendenti Pubblici

TFR dei Dipendenti Pubblici: Quali sono le tempistiche di liquidazione?

Cos’è il TFR dei Dipendenti Pubblici?  Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) è una somma di denarocorrisposta al …

Furti domestici: l’Italia è realmente poco sicura?

Recenti episodi di cronaca hanno accentuato, in molti cittadini italiani, il timore di subire dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »