fbpx
Home / Notizie / Attualità / Sigarette elettronica, dagli USA l’ultima moda: lo ‘scenic vaping’

Sigarette elettronica, dagli USA l’ultima moda: lo ‘scenic vaping’

Negli Stati Uniti, le sigarette elettroniche stanno conoscendo alterne fortune. La città di San Francisco, ad esempio, pur essendo sede di una delle aziende leader del settore ha approvato in via definitiva il bando delle vendite su tutto il territorio cittadino delle e-cig, scatenando la reazione degli operatori di settore e della comunità cittadina (e non sola) del ‘vaping’. Ciò nonostante, proprio dagli USA arriva l’ultima moda in fatto di ‘svapo’: si tratta dello ‘scenicvaping’, ossia lo svapo scenografico.

Come nasce il vaping scenografico

È facile intuire come il concetto di base di questa nuova tendenza sia abbinare l’utilizzo della sigaretta elettronica ad ambientazioni paesaggistiche di grande effetto. I primi a sperimentare questa nuova forma d’arte visiva sono stati Ian Silvere Tyler Worth, due fotografi americani; i loro scatti, realizzati in Arizona e in Virginia, immortalano un soggetto intento a ‘svapare’ all’interno di uno scenario naturale particolarmente suggestivo; la peculiarità delle foto di scenicvaping – già piuttosto diffuse su Instagram – è che il soggetto dello scatto usa un dispositivo di nebulizzazione in grado di produrre una gran quantità di vapore, una vera e propria nuvola che spesso contrasta con il paesaggio che fa da sfondo. Quest’ultimo è spesso costituito da boschi e foreste oppure da edifici tipici del paesaggio rurale statunitense.

Naturalmente, dopo i primi scatti ‘pionieristici’ diffusi da fotografi di professione, molti amatori si sono cimentati nel tentativo di immortalare una “svapata” scenografica. Pur trattandosi di una semplice moda social, il rischio – a lungo termine – è che alcuni produttori possano utilizzare immagini simili per le loro campagne promozionali, riaprendo il dibattito – già particolarmente acceso negli Stati Uniti – in merito alla produzione e la vendita delle sigarette elettroniche.

 

Il ‘vaping’ in Italia: meno scenografico ma più agevole

La moda del ‘scenicvaping’ non è ancora approdata in Italia ma non è difficile ipotizzare come anche nel Belpaese possa diffondersi rapidamente all’interno della comunità degli ‘svapatori’, soprattutto per mezzo dei social network.

Di contro, la situazione relativa alle sigarette elettroniche è meno tribolata. Mentre negli USA le misure adottate da diversi legislatori locali sono espressione di una tendenza all’ostracismo, in Italia lo scenario si presenta differente. In generale, acquistare un dispositivo elettronico per lo svapo o un flacone di liquido per ricarica è molto semplice: basta rivolgersi ad un negozio specializzato nella vendita di questo genere di prodotti; in alternativa, si può optare per l’acquisto online dove rivenditori autorizzati come Vaporoso mettono a disposizione una vasta gamma di prodotti e accessori. È bene sottolineare come gli shop online debbano esibire l’autorizzazione dei Monopoli di Stato, dal momento che i liquidi fanno parte dei beni soggetti al monopolio stesso.

Va anche detto che, a partire dal 2019, è entrato in vigore un nuovo sistema di tassazione dei liquidi per le e-cigarettes. In generale, la pressione fiscale è stata ridotta e l’imposta è stata tarata in base alla tipologia di liquido per cui quelli contenenti nicotina vengono tassati per circa il doppio rispetto a quelli senza percentuali nicotiniche. Anche grazie a questa agevolazione, la comunità italiana dello svapo potrà continuare a crescere, dopo aver quasi raggiunto il milione di unità: come in altri paesi, anche in Italia molti fumatori passano alla sigaretta elettronica per rimpiazzare quelle tradizionali e cominciare a smettere di fumare. La ‘riduzione del danno’ riconosciuta alla e-cig è dovuta principalmente all’effetto deterrente che i dispositivi elettronici sono in grado di sortire sul consumatore: il gesto resta il medesimo ma la possibilità di regolare le percentuali di nicotina nelle ricariche (se si opta per il fai da te acquistando liquidi base e aromi a parte) consente un approccio graduale eppure efficace per una progressiva interruzione del fumo.

 

 

 

Se vuoi rimanere aggiornato sulle nuove notizie di Blognews24.com ricordati di seguirci sulle nostre pagine social: Facebook , Google+, Twitter, Instagram

About Elena Redazione BlogNews24

Check Also

Come avviare un’attività di e-commerce in maniera autonoma

Sono anni, ormai, che l’e-commerce (ossia la vendita di prodotti commerciali tramite internet) si è …

Marketing e risultati: l’importante è pianificare anche i dettagli

La pianificazione è l’attività più impegnativa e, al tempo stesso, più proficua che un’azienda di qualsiasi dimensione possa concedersi. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *